Pedro Graça,  professore di ‘Politica alimentare’ all’Università di Porto, in Portogallo, ed esperto di Dieta Mediterranea, ci presenta una visione politica del cibo. Osservando in modo critico la società di oggi, ci invita a riflettere su cosa significhi davvero difendere la Dieta Mediterranea.

Facendo riferimento alle dinamiche economico-politico che spesso i consumatori ignorano, riflette sul mondo che esiste dietro gli scaffali dei supermarket, fatto di politiche e diritti dei lavoratori, ma anche delle conseguenze sull’ambiente delle produzioni alimentari. Ricorda che la difesa della Dieta Mediterranea parte dalla consapevolezza dei singoli cittadini circa l’impatto, non solo sociale ma anche ambientale, delle loro scelte alimentari, e sottolinea  l’importanza della partecipazione delle istituzioni e delle industrie nel processo di conservazione di questo stile di vita.  Oltre a ciò, Graça ritiene fondamentali per la difesa della Dieta Mediterranea anche altri fattori, che spesso passano inosservati, e rispetto ai quali ci invita a riflettere: gli orari di lavoro della nostra società, incompatibili con un’alimentazione sana ; le differenze di genere, l’educazione alimentare dei figli e l’importanza di  ‘dare l’esempio’; la conservazione dei cibi nei distributori automatici che pone al centro dell’attenzione l’abuso di sale e zucchero. A tutti questi temi offre soluzioni illuminanti e semplici allo stesso tempo, indicandoli come fattori che influenzano il nostro stile di vita.

Inoltre, ci racconta anche i sapori del Portogallo e il suo personale e inaspettato cibo della memoria, legato alla sorpresa e alla necessità. Cambiando il nostro punto di vista, Pedro Graça offre una riflessione diversa sulla Dieta Mediterranea, stile di vita e modo di pensare al cibo, elaborato in migliaia di anni, che come patrimonio dell’umanità ha bisogno della partecipazione di tutti i cittadini del mondo per essere difeso.

Indice del video

- 00:37 Un modo di relazionarsi al cibo
- 02:40 Una dieta di adattamento
- 06:25 Perché difendere la Dieta Mediterraneaediterranea
- 08:10 L’impatto ambientale delle nostre scelte
- 11:51 Riadattarsi per salvare uno stile di vita
- 15:17 Una massa critica e il bisogno di una guida
- 18:55 Il supporto importante di istituzioni e industrie
- 24:03 Da Faro a Porto
- 27:35 Educare: dare il buon esempio
- 30:46 Orari di lavoro vs mangiare sano
- 34:44 Il segreto del cibo a lunga conservazione: sale e zucchero
- 37:15 Pesce fritto e vino
- 41:58 Il piatto della memoria e il kit di sopravvivenza

Informazioni geografiche

Nazione: IT
Regione: Piemonte
Città: Torino
Altitudine: 239 m. s.l.m.

Riferimenti e fonti

Graça P, Gregório MJ, Sousa SMS, Camolas J. Food Policy in Portugal—Historical Context, Opportunities, and Threats. Reference Module in Food Science. Elsevier. December 2016. DOI10.1016/B978-0-08-100596-5.21166-9

Rodrigues AM, Gregório MJ, Gein P et al. Home-Based Intervention Program to Reduce Food Insecurity in Elderly Populations Using a TV App: Study Protocol of the Randomized Controlled Trial Saúde.Come Senior
JMIR Research Protocols. Volume: 110, 2017.

Abarca-Gómez, Leandra et al. Worldwide trends in body-mass index, underweight, overweight, and obesity from 1975 to 2016: a pooled analysis of 2416 population. The Lancet. Volume 390, No. 10113, p2627–2642, 16 December 2017